Eugenio Di Rienzo: memoria e innovazione

di Nurye Donatoni

fotografie di Archivio Premiato Laboratorio Orafo Eugenio Di Rienzo

pubblicato su Mestieri d’Arte & Design. Crafts Culture n. 28 aprile - 2024

La ricerca sul campo è andare nei luoghi, conoscere le persone. Occuparsi di artigianato raro e in sparizione presuppone essere curiosi e immergersi nel cuore dei comuni più remoti, alla ricerca di coloro che narrano di memoria e vivono nell’oggi. Sono maestri artigiani che da generazioni perpetuano un saper fare. I loro sublimi manufatti irradiano i valori, l’estetica e l’identità di una comunità. Spesso li diffondono dai confini dei loro territori fino a terre lontane, dove gli stranieri comprendono la bellezza della loro produzione. L’Abruzzo è una regione meravigliosa. Colline, mare e montagna. Montagna aspra, montagna del centro Italia, non sono le Alpi. Dalle vette, quasi lunari, si vede il mare. Emozione sconcertante. Il mio obiettivo è il comune di Scanno, in provincia de L’Aquila, con la sua tradizionale gioielleria.

A Scanno, in Abruzzo, il tempo si è fermato nella storica bottega d’oreficeria della famiglia Di Rienzo. Un tuffo nel passato con Eugenio, erede di una lunga dinastia di Maestri, alla scoperta del significato autentico di un gioiello in filigrana che non conosce mode.

Alla guida da ore, mi inerpico nella Valle del Sagittario, circondata da un anfiteatro montuoso: Monte Genzana, Monte Argatone, La Terratta e il Monte Godi, una parte dei Monti Marsicani. Siamo nel Parco Nazionale d’Abruzzo, tra il Lazio e il Molise. La strada è stretta e tagliata nei monti, la vegetazione è folta e molto eterogenea con boschi misti. Vedo roverelle, noccioli, lecci, faggi, aceri montani, abeti rossi e pini neri. Una grande varietà di fiori colorati e rigogliose felci. La Valle si apre e a forma di cuore mi appare l’azzurro lago di Scanno. Eccomi arrivata in questo borgo meraviglioso, dove il tempo pare essersi fermato.

 

Eugenio Di Rienzo si dedica alla costruzione, e alla successiva incisione, dei bottoni per i suoi gioielli.

 

L’arte orafa a Scanno è profondamente radicata, pare risalga al Seicento ed era legata al costume storico. I gioielli scandivano la vita delle donne, venivano regalati per il corteggiamento, il fidanzamento, il matrimonio. Erano donati alla giovane futura sposa dal fidanzato o dalla madre di lui. Si trattava di pegni carichi di promesse, devozione, attesa e consacrazione. Venivano indossati non soltanto nei momenti importanti, ma nella vita di tutti i giorni. Il gioiello aveva un valore oltre che ornamentale anche apotropaico. Altamente scaramantici, gli scannesi scongiuravano il “condrammalucchie” per evitare malattie, malocchi e influssi maligni.
Incontro Eugenio Di Rienzo, un uomo energico e solare. Un maestro orafo con un gran sorriso e il desiderio di condividere la passione di famiglia. Un uomo che ama la bellezza.
La famiglia Di Rienzo è una famiglia storica di orafi locali, che produce gioielli sin dal 1850. Armando di Rienzo abbelliva le vesti delle donne del luogo, producendo gioielli tradizionali. Nel 1926 inventò, trasformando un fermaglio passa-filo, un nuovo ciondolo-spilla che donò alla sua sposa. Era l’Amorino, il gioiello simbolo della moderna tradizione orafa scannese, talmente famoso che vinse un premio a New York.

 

L’operazione di fusione dell’argento, che avviene a 1.000 °C circa.

 

Eugenio segue la strada del nonno, anche lui è un appassionato sperimentatore e creatore. Ha studiato all’Istituto d’arte sezione oreficeria a Sulmona, ha rubato con gli occhi al nonno e al papà. Fin dalla più tenera età, 5 anni, è stato in bottega. Guardava con entusiasmo i sapienti gesti del nonno, giocava e si cimentava. Eugenio sapeva che sarebbe diventato un orafo.
Vive nella sua bottega, adora creare i suoi gioielli e quando le sue esperte mani danno forma alla creatività perde la cognizione del tempo. Per non essere travolto dalla sua stessa passione prende la moto e viaggia. Amici e famiglia gli ricordano che il lavoro non può assorbire interamente la vita.

Nella sua bottega, appena fuori dal centro storico di Scanno, vi sono attrezzature tradizionali ereditate dalla famiglia che convivono con macchinari moderni ad alta tecnologia. La produzione di Eugenio Di Rienzo è molto varia. Si diverte a riprodurre modelli che suo padre aveva inventato negli anni Venti, come fibbie maschili, orecchini, bracciali e specchietti liberty. Unisce la produzione dei gioielli tradizionali, fatti in filigrana d’argento e d’oro (Bottoniera, Presentosa, Circeje, Sciaquajje e Chiacchiere), un tipo di gioielleria che non conosce mode e che ha continue richieste, alla sperimentazione di nuove realizzazioni come filigrane sottilissime, interpretazioni moderne della tradizione. Gioielli molto belli capaci di adornare le donne di oggi. Poi ritorna nella profonda tradizione, restaurando preziosi oggetti liturgici, tesori d’Abruzzo, come la meravigliosa Croce di Nicola da Guardiagrele datata 1422. Di Rienzo ha un distributore, di Pescara, che propone le sue creazioni firmate sia nelle regioni limitrofe sia a Roma. Ha un e-commerce e vende il suo brand su piattaforme importanti. Memoria e innovazione dunque, tra montagna e mare.

Nella tradizione locale si trovano:

Bottoniera: dodici bottoni in argento, posti sul corpetto del costume tradizionale “comodino” di Scanno;

Presentosa: forse il più famoso, nominato anche da d’Annunzio ne “Il Trionfo della morte”. Si tratta di una grande stella di filigrana con uno o due cuori centrali, un tempo donata dallo sposo alla futura sposa come pegno d’amore;

Cicerchiata: tipico anello nuziale con decorazione granulare, che richiama i grani della leguminosa “cicerchia”;

Circeje: grandi orecchini in lamina traforata a forma di navicella con pendenti di perle. Il lavoro traforato assumeva il viso di una Circe, che doveva incantare il maschio, sopra un piccolo gallo lo attirava con il suo richiamo;

Sciaquajje: orecchini a navicella semilunata in oro arricchiti con pendenti oscillanti, così chiamati perché mentre la donna sciacquava i panni facevano un suono caratteristico;
Chiacchiere: lunga collana a spighette d’oro cave e decorate a pressione, da rigirare intorno al collo;

Amorino: un complesso ciondolo a spilla da regalare alla sposa, raffigurante un angioletto che scocca un dardo. È l’unico gioiello-simbolo ad avere un’origine sicura: fu creato dall’orafo scannese Armando Di Rienzo negli anni Venti, donandolo in matrimonio alla sua sposa.

Al banco di lavoro, il maestro orafo crea prodigi con la filigrana: il suo laboratorio è artefice di sapienti gioielli sia in argento sia in oro. Si riconoscono i componenti di “Amorino”, iconica spilla-ciondolo tradizionale sul tema dell’amore (in basso a sinistra).

Eugenio Di Rienzo, quattordicesima generazione di orafi, mentre prepara un bozzetto del ciondolo con i bottoni abruzzesi (in apertura). Secondo la tradizione i bottoni prendevano il nome della donna per la quale venivano disegnati.

Bulino e raschietto, strumenti di lavoro per incidere sull’argento. Il bulino è sagomato in base alle mani dell’artigiano. L’incisione sul raschietto è stata fatta da un antenato di Eugenio Di Rienzo circa duecento anni fa.

Collana in argento con i “bottoni” caratteristici dei costumi della tradizione abruzzese e catena con cristalli. Il collier, con i bottoni dalle trame sottili, rappresenta un lavoro di reinterpretazione: il maestro orafo Eugenio Di Rienzo segue il canone dell’innovazione applicandolo alle forme tipiche dei bottoni

 

Nurye Donatoni

Nurye Donatoni

Laureata in conservazione dei beni culturali, esperta di artigianato artistico e di tradizione, è direttrice artistica del MAV – Museo dell’Artigianato Valdostano di tradizione. Attualmente svolge per Fondazione Cologni una ricerca per la mappatura dei mestieri rari e a rischio di scomparsa in tutta Italia.

CONDIVIDI